Non è un gioco

Non stiamo giocando

I giovani che entrano nell’adolescenza vivono nuove esperienze: l’innamoramento e il sesso. Ma provano anche a manifestare i propri sentimenti e se stessi anche attraverso la fisicità. L’esperienza di diventare grandi passa anche attraverso questi processi con una educazione psico-affettiva, e una educazione alla sessualità sicura e rispettosa dell’altro.
Rispettare l’altro significa non oggettualizzare il corpo della donna, rispettare i sentimenti, non correre rischi come gravidanze indesiderate o trasmissione di malattie veneree come l’Aids.
Per difendersi dalle malattie a trasmissione sessuale basta poco.
Il momento dell’adolescenza va vissuto in pieno, e senza la paura di rischiare e perdersi tanto.
Basta seguire semplici regole e soprattutto ricordarsi che “non stiamo giocando”, ne va della propria vita.