Obesità

Obesità

La parola “obeso” indica un soggetto eccessivamente grasso o corpulento. L’obesità e il soprappeso sono pericolose non perché non ci permettono di entrare in una taglia più piccola, ma perché danneggiano la salute. L’obesità è una condizione in cui bisogna considerare diverse influenze:

  • di natura biologica
  • comportamentale
  • ambientale

Spesso, però, i problemi di soprappeso sono legati a nostre cattive abitudini alimentari e non a problemi di tipo biologico; una predisposizione è possibile ma non sarà quella a crearne la conseguenza diretta e immediata. Se si hanno dei chili in più non dobbiamo “fare la fame”, basta rivedere la propria alimentazione. Ridurre le porzioni, variare i cibi, evitare spuntini eccessivi, muoversi, sono tutti aspetti che aiutano a non aumentare di peso. L’uso dell’Indice di Massa Corporea (IMC, o Body Mass Index “BMI”) si è rivelato un buon criterio per evidenziare le diverse categorie di peso corporeo. Esso è un indice basato sul rapporto tra il peso corporeo e l’altezza. L’IMC si calcola dividendo il peso corporeo, espresso in kg, per l’altezza, espressa in metri, elevata al quadrato. Come si evidenzia dalla tabella sottostante, classificando questo indice, è possibile distinguere tra i vari gradi di sovrappeso.

IMC=peso (in KG)/ALTEZZA (in metri) al quadrato

> 40 Sovrappeso di 3°grado Grave obeso
30-40 Sovrappeso di 2°grado Obeso
25-30 Sovrappeso di 1°grado Sovrappeso
18,5-25 Normopeso Normale
< 18,5 Sottopeso Magro
< 16 Magrezza grave /

L’obesità, a differenza dell’anoressia e della bulimia, non è un disturbo prevalentemente femminile, ma si distribuisce in modo uniforme in entrambi i sessi; inoltre, mentre l’anoressia e la bulimia fanno il loro esordio durante il periodo adolescenziale, non sono infrequenti numerosi casi di obesità infantile. Le conseguenze che essa determina sono molto gravi:dai problemi vascolari, al rischio di diabete, etc.
È importante non vergognarsi di avere problemi di peso; i chili possono andar via ma la salute è necessario che resti.